NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

MALATTIE INFIAMMATORIE IMMUNOMEDIATE IN DERMATOLOGIA

Martina Maurelli

U.O.C. Dermatologia e Venereologia
Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata
Verona

 

In questa sezione sono riassunti e commentati i principali articoli, pubblicati nella letteratura scientifica, riferiti alle malattie infiammatorie immunomediate (IMID) in ambito dermatologico correlate ad altre patologie afferenti ad aree terapeutiche quali Reumatologia e Gastroenterologia.

Psoriasi e idrosadenite suppurativa: coesistenza delle due patologie

L’articolo è uno studio retrospettivo condotto dal 2015 al 2019 su una popolazione di pazienti affetti sia da psoriasi che idrosadenite suppurativa. La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica con una prevalenza, nella popolazione adulta in Europa, di circa il 2-2.5%, mentre la prevalenza dell’idrosadenite suppurativa si attesta allo 0.003-8%. Il farmaco biologico adalimumab è approvato per il trattamento di entrambe le patologie, sia negli adulti che in età pediatrica.


BACKGROUND

Sia la psoriasi che la idrosadenite suppurativa sono patologie multifattoriali, con rilevante impronta genetica, e caratterizzate da una infiammazione cronica e ricorrente che solitamente inizia entro la terza decade di vita. La psoriasi clinicamente si presente con una iperproliferazione epidermica, risultante in placche eritemato-desquamative. L’idrosadenite suppurativa è caratterizzata da noduli infiammatori, ascessi e fistole, associate a cicatrici, tipicamente ad ascelle, inguini e genitali e nella regione sottomammaria. Entrambe le patologie mostrano un similare profilo di comorbilità, quali obesità, depressione, ansia, malattie infiammatorie croniche intestinali e artrite psoriasica. Obesità e fumo di sigaretta sono dei trigger che aggravano lo stato infiammatorio in entrambe le patologie.


RISULTATI

In totale, dal 2015 al 2019, sono stati analizzati 28 pazienti, tutti caucasici, di cui 15 femmine e 13 maschi, con un tasso F:M=1.15:1 e un’età media di 44.4 anni (range 23-64 anni), con diagnosi confermata di psoriasi e idrosadenite suppurativa. Le comorbilità più frequentemente riscontrate sono state obesità (BMI medio di 32.2), artrite psoriasica (nel 21.4% dei pazienti), morbo di Crohn (10.7%), depressione e ansia (25%), ipertensione (21.4%), diabete di tipo 2 (14.3%), asma bronchiale (10.7%) e trombosi ricorrenti (7.1%).

I pazienti sono stati suddivisi in due coorti per ulteriori analisi, 15 con prima diagnosi di idrosadenite suppurativa e 13 con prima diagnosi di psoriasi. I pazienti con prima diagnosi di idrosadenite suppurativa avevano un’età media di 22.8 anni ed hanno sviluppato la psoriasi ad un’età media di 36.3 anni. Quelli con prima diagnosi di psoriasi avevano un’età media di 24.3 anni, sviluppando l’idrosadenite ad un’età media di 36.6 anni. Adalimumab si è rivelato efficace nel 64.3% di questi pazienti.


IMPATTO NELLA PRATICA CLINICA

Adalimumab è approvato ed è efficace sia per la psoriasi che per l’idrosadenite suppurativa.


COMMENTO

Nei pazienti che giungono a visita per psoriasi o per idrosadenite suppurativa è molto importante tenere in considerazione le possibili associazioni tra loro e con altre malattie. I pazienti affetti da psoriasi e concomitante idrosadenite suppurativa trovano giovamento dall’utilizzo di adalimumab. Inoltre, il cambiamento degli stili di vita, come smettere di fumare, calo ponderale e ridurre il consumo di alcool sono dei fattori favorenti il decorso di entrambe le patologie, permettendo di tenere sotto controllo le recidive e garantire un più lungo periodi di benessere.


BIBLIOGRAFIA

Pinter A, et al. Coprevalence of hidradenitis suppurativa and psoriasis: detailed demographic, disease severity and comorbidity pattern. Dermatology 2020; 1-10. Online ahead of print.

Area riservata